Maria Rosa Bersanetti (Olistica)

Maria Rosa Bersanetti Saraswati

Insegnante Yoga Healing

Sono stata iniziata allo studio ed alla pratica dello Yoga nel Centro Italo-Indiano di Torino diretto dal Maestro Dharmarama.

Sono rimasta nel centro per circa cinque anni, frequentando in modo assiduo tutto quello che poteva offrire la scuola, spesso viaggiando alla sera per seguire corsi e seminari di approfondimento sulle tematiche dello Yoga.

Essendo studentessa universitaria, per permettermi di pagarmi le lezioni di Yoga il Centro mi aveva assegnato una mansione di bibliotecaria del centro.

Questa  fu una vera manna per me:  così potei accedere a molti testi e molte informazioni.

Dharmarama è stato il punto di partenza e di arrivo per la mia formazione e non ho sentito il bisogno di cercare nient’altro, visto che avevo trovato  quello che mi serviva per la mia formazione.

Sempre tramite il Centro Yoga (in quanto  Dharmarama era suo devoto) all’età di 17 anni sentii l’impulso di svolgere  un viaggio per conoscere Sai Baba.

Questo viaggio fu determinante per il mio futuro  spirituale: Sai Baba è considerato una incarnazione (Avatar) di Shiva, ed è proprio da Shiva che discende l’insegnamento dello Hatha Yoga!

Dopo questo viaggio, sempre nel Centro incontrai il Buddhismo e prosegui il mio cammino spirituale  .

Dall’età di 22 anni con l’autorizzazione e le benedizione  dei  miei Maestri incominciai ad insegnare Lo Hatha Yoga.Ho tenuto corsi in diverse palestre e centri, in particolare in Piemonte : a Torino, Cuneo, Savigliano, Mondovì, Bra, Carmagnola, Alba, Imperia, arrivando nell’arco di 25 anni ad avere anche 80 allievi che frequentavano i miei corsi.

Nel 1990 la Federazione Yoga Italiana con sede a Roma mi  ha dato il riconoscimento alla mia scuola yoga di Istituto Yoga Asram Saraswati; a seguito di questo riconoscimento la sede di riferimento divenne l’Istituto Healing Sound Onlus di Belvedere Langhe.

Nell’arco di trentacinque anni di insegnamento Yoga molti allievi hanno avuto il beneficio di questa pratica: alcuni sono anche diventati maestri e hanno aperto una loro  scuola Yoga, con la mia grande felicità.

Quello che considero importante è il sentire il beneficio della pratica dell’autocura e guarigione che tutti possono praticare, accorgendosi dell’infinito potenziale felice e sano che possiamo essere, ripristinando l’essere in unione con le proprie energie naturali con l’ahimsa (non violenza), lasciando scorrere la vita dentro di noi , ritrovare tutto, scoprendo che la sofferenza e la malattia sono solo una terribile illusione che si possiamo perdere nell’infinita felicità ritrovata.